In condizioni di oscurit? ricreate artificialmente ? possibile ottenere un miglioramento dell’udito grazie ad una ricostruzione delle connessioni nella corteccia uditiva: ? quanto ha documentato un nuovo studio sul modello animale pubblicato su ?Neuron? da un gruppo di ricercatori dell’Universit? del Maryland e della John Hopkins University.
Questi fenomeni di compensazione tra diversi apparati sensoriali servono anche negli esseri umani in particolare nei soggetti non vedenti dalla nascita o dalla prima infanzia, che mostrano un udito molto pi? sviluppato della media.

L?ipoacusia pu? compromettere la personalit? nelle persone adulte: ? stato scoperto che la perdita dell’udito ha un profondo impatto sulla personalit? e sulla vita sociale delle persone pi? anziane.

I dati arrivano da uno studio svedese che ha preso in esame 400 persone di et? compresa tra gli ottanta ed i novant’anni, per un periodo di sei anni.

Ogni due anni, gli anziani venivano valutati in termini fisici e mentali, come pure sugli aspetti della personalit?, come estroversione e stabilit? emotiva.
Durante i sei anni, i ricercatori hanno scoperto che anche se la loro stabilit? emotiva rimaneva la stessa i partecipanti diventavano meno espansivi.

Sorprendentemente i ricercatori non potevano collegare questo cambio di personalit? all’impoverimento fisico e cognitivo o alle difficolt? di trovare attivit? sociali in et? avanzata. L’unico fattore nel quale ricercare un collegamento con la riduzione delle capacit? cognitive era dunque la perdita dell’udito.

NUMERO VERDE

800 031 545

TROVA UN CENTRO

Vicino a te

CENTRO COCHLEAR

338 27 20 402